Il calcio inglese al top grazie ai soldi delle scommesse

Il mondo negli ultimi giorni sta celebrando il calcio inglese che è riuscito a portare 4 squadre inglesi a giocarsi le finali delle due coppe europee.

4 squadre inglesi a contendersi le due coppe europee e la quinta, il Manchester City che è quella più forte, ha vinto la Premier. Un successo inevitabile visti i fatturati che dipendono da varie cause: dagli stadi di proprietà agli stadi sempre pieni fino ad un merchandising all'avanguardia anche oltre i confini nazionali.

Come sappiamo infatti la finale di Champions League che si disputerà a Madrid vedrà contendersi il massino trofeo Europeo il Liverpool e Tottenham mentre l' Europa League vedrà Arsenal e Chelsea.

La Gran Bretagna è patria delle scommesse e queste ovviamente non possono che avere un ruolo centrale nei bilanci dei club. Tutto ebbe inizio negli anni novanta quando Il primo ministro inglese John Mayor rivoluzionò la lotteria nazionale rendendola una risorsa utile a migliorare il paese e di rimando anche allo sport. Vennero raccolti 39 miliardi di sterline e finanziati 535.000 progetti sociali, culturali e sportivi.

Questa politica delle "buone cause" venne in seguito rilanciata da Tony Blair. Il lavoro di Mayor si tramutò dal punto di vista sportivo nel grande successo delle olimpiadi di Sydney del 2000 dove gli atleti della regina portarono oltre manica 11 medaglie superando il record di 10 che durava dagli anni 20.

In Premier League oggi 20 club su 21 sono sponsorizzati dai bookmakers, oggettivamente forse troppi tant'è che in passato ci sono state proteste, ma la politica del dialogo e costruttiva più che distruttiva ha contribuito al successo delle squadre inglesi.

In Italia da gennaio 2019 è in vigore il decreto dignità che limiterà molto il settore dei giochi d'azzardo andando a vietare ogni tipo di pubblicità, fatti salvi i contratti in essere, da parte dei bookmakers. Eppure i dati ufficiali rilasciati dall'ultimo report dell'Agenzia delle dogane e Monopoli ci dice che gli italiani stanno spendendo il 16% in più in azzardo e lo fanno anche nel peggior modo possibile ovvero con giochi senza abilità creati dal banco per perdere come le scommesse virtuali che hanno toccato quota 119 mln di euro giocati.

Il decreto dignità sembra sempre più una soluzione immediata, superficiale, di facciata e troppo semplice rispetto ad un problema molto complicato come il vizio del gioco e la degenerazione in ludopatia. Come ci avevano anticipato in passato figure importanti del settore, la gente saprà sempre dove giocare e come giocare, limitare il settore nella sua parte regolamentata non farà altro che far mangiare lo spazio vuoto alla criminalità facendo perdere allo Stato la possibilità di dialogo e, avendo il coltello dalla parte del manico, fare un accordo vero dove si vada a minimizzare i rischi proteggendo al massimo l'utente finale ma massimizzando i profitti con tasse e finanziamento di progetti sociali, culturali e sportivi proprio come in Inghilterra e rimettere in moto questo paese sotto molti punti di vista.

Date prossimi Corsi

Entra in Scoretrend

COMPARAZIONE BONUS
Betfair Bonus benveuto Betfair
100% RIMBORSO 10€
x 5 SETTIMANE
 
Scopri di più ➥
 
Betflag bonus betflag
800€ SENZA DEPOSITO
 
Scopri di più ➥
 
Eurobet bonus eurobet
30€ Free Spin + 15€ Deposito + 300€
 
Scopri di più ➥
Realizzazione siti e template in Joomla: www.christophermiani.it