Come quotano una scommessa sportiva i bookmaker | Che cos'è una quota

Si analizza nel dettaglio che cos'è e come viene creata una quota dai software dei bookmaker. Negli ultimi anni i software per il calcolo li hanno solo i bookmaker più importanti come Pinnacle, Bet365 e William Hill. Gli altri utilizzano le quotazioni dei bookmaker asiatici o di Betfair.

Che cos'è una quota di una scommessa

 La quota di una scommessa è l'inverso della probabilità che quell'evento si possa verificare ed è espresso in forma numerica con diverse tipologie. Le quote vengono rappresentate in maniera differente a seconda del Paese di appartenenza dell'operatore.

Le rappresentazioni principali sono:

La formula della quota di una scommessa è la seguente:

Quota = 1 / (probabilità/100)

Probabilità = (1 / (quota) ) *100

 

Facciamo un esempio molto semplice per comprendere probabilità implicita e quota di un determinato evento:

La quota di un evento sportivo è 1,30: qual é la probabilità di verificarsi?

Probabilità = ( 1/1,30)*100 = 76,9 %

e tornando alla quota invece dalla probabilità: quota = 1/ (76,9/100) = 1,3

Più la quota è bassa e più l'eventualità che quel determinato evento si verifichi è alta. Una quota può avere il valore minimo di 1,01 che per un evento sportivo è la quota più bassa. Più la quota è alta e meno probabile che quell'evento di contro si possa verificare.

 

Come calcolano i Bookmaker la quota

Molti utenti e corsisti mi chiedono spesso come fanno i bookmaker a quotare una scommessa e se la quota da loro proposta è corretta. Il dubbio che si pongono è se ci sono margini per avere delle strategie a basso rischio utilizzando le quote stesse da loro proposte.
I bookmaker negli ultimi anni hanno cambiato il loro modo di calcolare le quote perché si sono evoluti e seguono la tendenza generale di mercato: stanno finendo una serie di opportunità come le sure bet o scommesse sicure che hanno visto negli anni scorsi molti scommettitori evoluti guadagnare cifre consistenti senza sostanzialmente mettere a rischio il proprio capitale. Le surebets, così come erano concepite, sono ormai morte e si sono create altre possibilità connesse al cambiamento delle quote durante il live e all'andamento della partita stessa.

 

Come sono calcolate le quote pre match

Negli ultimi anni la maggior parte dei bookmaker hanno deciso di non utilizzare più un proprio software proprietario per il calcolo delle quote ed utilizzano quelle di Pinnacle o betfair.com (exchange) in quanto i movimenti vengono principalmente effettuati su quella piattaforma e di conseguenza si adeguano al mercato. Ovviamente i quotisti intervengono sulla quota abbassandola con l'agio (o guadagno) deciso dal bookmaker e cambiando leggermente il valore a seconda di cosa il quotista prevede; in alcuni casi le rendono leggermente più competitive rispetto alla concorrenza per acquisire nuovi clienti attratti da quote "più elevate".
Avere un proprio software per la quotazione è diventata una spesa senza senso perché tutte le quote con i sistemi automatici viaggiano all'unisono e risulta più semplice e sicuro utilizzare quelle del riferimento e andarle ad adattare con una differenza dovuta all'agio, il proprio guadagno e anche l'esposizione che ha il bookmaker sul mercato in  una determinata direzione.

Abbiamo verificato che a volte, quote all'apparenza senza senso logico, sono dovute al fatto che il bookmaker ha un esposizione elevata sul segno per esempio della vittoria in casa (tanti scommettitori hanno scommesso su quel segno) e di conseguenza per diminuire l'esposizione aumentano la quota del segno x o 2 per invogliare gli utenti a scommettere e diminuire la perdita nell'eventualità di uscita del segno 1. 

Alcuni bookmaker italiani hanno un software di comparazione delle quote che fa scattare un allarme quando la quota supera quella di Betfair. Ormai tutti si sono evoluti e lo spazio per queste tipologie di scommesse è sempre più limitato.

E' da sottolineare che le quote dei bookmaker non solo fisse ed immutabili, ma variano con i volumi puntati dagli scommettitori e di conseguenza vengono abbassate o alzate: per questo motivo si può sfruttare queste oscillazioni con il trading pre-match. 

Il trading pre match non è semplice da mettere in pratica, o meglio è complicato trovare quelle quote che si abbassano con il passare del tempo perché sono influenzate da più parametri non facili da trovare.

 

Parametri per il calcolo della quota

 I bookmaker inseriscono all'interno dei software per il calcolo delle quote una serie di variabili per ogni match tra cui:

  • risultati storici delle squadre casa / Trasferta
  • incontri testa / testa tra le due squadre
  • infortunati , squalificati ed indisponibili
  • posizione in classifica
  • campo di gioco (dimensioni , superficie)
  • distanza della squadra dal campo
  • modalità di spostamento della squadre per raggiungere il campo
  • agio del bookmaker
  • importanza e blasone della squadra

 

Quote asiatiche 

Come la maggior parte di voi dovrebbe sapere le quote e i movimenti principali avvengono sui mercati asiatici, che a ruota vengono poi seguiti dagli altri Paesi.
Per molti mercati gli asiatici quotano temporalmente dopo i bookmaker europei e siccome questi vogliono mettere le quote per consentire ai clienti di scommettere perché sono in pochi ad avere quei mercati, hanno quote non corrette soprattutto nei mercati secondari tipo Sud America e America Centrale. Appena i bookmaker asiatici escono con quelle corrette tutti gli scommettitori che vedono le quote incominciano a puntare pesantemente sui bookmaker che sono costretti ad abbassarle. In questo modo si creano per chi lo sa fare delle operazioni sicure che vanno chiuse prima dell'inizio del match stesso.

Pinnacle per i campionati secondari come quelli Sud Americani, Nord America, Europa dellì Est è il riferimento e appena inseriscono le quote e i primi scommettitori iniziano a puntare le quote non corrette dei bookmaker europei tendono ad allinearsi ed inconsapevolmente si vengono a creare le dropping odds con possibilità di guadagno a basso rischio

Pinnacle uno dei bookmaker asiatici con i volumi più elevati fa da influencer delle quote per il resto del mondo. Chi fa pre-match non può non dare uno sguardo alle sue quote.

 

Come vengono calcolate le quote live

Per quel che riguarda il live invece il discorso è diverso in quanto la maggior parte dei bookmaker per la modalità realtime si avvale dei servizi di betradar, il colosso elvetico che fornisce servizi ai bookmaker quali i live score istantanei, le quote realtime e le sospensioni automatiche dei mercati. Betradar ha una squadra di più di inviati in tutti i campi per offrire i servizi che si fanno pagare profumatamente.
Betradar offre adesso ai bookmaker le quote live degli eventi che sono utilizzare da tantissime società e fa in modo che le quote in live si equivalgono e in alcuni casi siano molto veloci nell'aggiornamento.

Come potete immaginare è impensabile per i bookmaker più piccoli avere dei propri software per quotare gli eventi live e per bloccare i mercati prima del goal e di conseguenza comprano il servizio altrove. Ogni bookmaker può invece variare il delay ed eventualmente le percentuali di aggiustamento delle quote per essere più o meno competitivo.

 

Quote reali betpractice

Le quote dei bookmaker tengono conto di tutta una serie di fattori come infortunati, squalificati, chi gioca, importanza della squadra, dove si gioca, etc che in moltissimi casi da una fotografia condizionata che può risultare non veritiera. Per ovviare a tutto questo ed avere una quota oggettiva basata solamente sui risultati storici delle squadre betpractice considera le quote reali che sono compilate da un algoritmo che tiene conto dei risultati storici ed quindi oggettiva. Lo spread che si crea tra quote reale e del bookmaker può evidenziare informazioni interessanti e alcune strategie come bancare l'opposto by Gianluca Landi.

Naturalmente per avere un risultato ottimale si devono filtrare le quote reali utilizzando altri strumenti e modelli statistici in modo da selezionare quelle a più alta probabilità

Si consiglia di imparare il funzionamento di betpractice per comprendere il valore nascosto nella quota ed operare di conseguenza bancando a quote più basse di quelle presenti nell'exchange.

 

Variazioni di quote in Txodds

Uno strumento molto utile per verificare i cambiamenti di quote dei bookmaker e scoprire delle anomalie nei movimenti è Txodds una società inglese che aggrega i fed di più di 200 bookmaker e tramite il proprio indicatore OCI ci fornisce un'analisi approfondita dei movimenti di quota.

Potete leggere come funziona Txodds e il suo monitoraggio di quote cliccando nel link e vedere i video su Youtube fatti da Gianluca Landi.

 

Quota e strategia nelle scommesse

Nel canale youtube di Gianluca Landi vengono mostrate diverse strategie e spiegazioni di come viene compilata la quota e potete ascoltare la spiegazione nel video sottostante.

La quota è quindi la base e uno dei parametri fondamentali per la scelta della strategia di betting exchange da utilizzare. Se la quota non si avvicina o è superiore alla quota reale è meglio non fare nulla! Non si deve operare su quote sbagliate o che vanno contro la statistica! Mai andare contro statistica perché alla lunga si è solo perdenti! Meglio non operare che perdere.

E' evidente quindi che prima di mettersi a studiare un qualsiasi evento è necessario verificare se la quota del mercato prescelto è di valore. Se la quota è di valore si parte già con un vantaggio statistico che deve essere poi ulteriormente incrementato con la scelta della partita stessa.

 

Che cos'è una quota di valore

Quota di valore significa che ha una quotazione di un bookmaker è maggiore al suo reale valore e di conseguenza porta un profitto o valore nel lungo periodo ad uno scommettitore che fa un sistema basandosi su quella determinata quota. 

La parola quota di valore adesso nel mondo del betting e del trading sportivo è una parola molto inflazionata e tutti dicono io faccio solo quote di valore senza comprenderne realmente il significato intrinseco.
Come avete visto ci sono diverse modalità ed espedienti per calcolare una quota di valore e ognuno deve trovare il metodo più congeniale. Quello da tenere presente e che qualcuno dice e che i bookmaker quotano l'evento sempre nel modo corretto: questo concetto è vero se si mette dopo la parola nel lungo periodo.

Voglio dire che è vero che nel lungo periodo (un anno, due, cinque) il bookmaker quota l'evento con la giusta probabilità di uscita ma questo non è vero nel breve periodo. Lo scommettitore non può puntare su tutti gli eventi che ci sono in un giorno e per tutto l'anno e di conseguenza deve fare una selezione della quota e del mercato su cui andare ad operare.
Nel breve periodo le quote dei bookmaker non sono corrette ed è quindi la selezione della quota di valore che consente di portarsi a casa un profitto con un grado di rischio contenuto. Dovete di conseguenza cercare il giusto "affare" che si presenta nel mercato ogni giorno un pç come quando andate all'Outlet o cercate online un prodotto scontato..

Avete capito? I bookmaker giornalmente sbagliano soprattutto in alcuni mercati specifici dove le probabilità di uscita sono all'incirca il 50%. In questi mercati si può fare molto bene mentre invece sul mercato 1 X 2 le quote tendono ad essere più precise ed allineate. Ma anche in questo mercato occasioni si presentano sempre!

 

Gianluca Landi

L'ing. Gianluca Landi è sport trader dal 2007 e online con il primo sito e corsi di trading sportivo dal 2012. Autore bestseller Amazon e fondatore di ScoreTrend.

Realizzazione siti e template in Joomla: www.christophermiani.it